Dati caretteristici

Connotazione naturale del Movimento Vivere In è la sua laicità. Nel Movimento è prevista, e di fatto esiste, la presenza di religiosi e di sacerdoti. Ma gli aderenti, in massima parte, sono laici, che intendono impegnarsi in un cammino di autentica configurazione a Cristo attraverso la cura di una particolare dimensione di vita che si sintetizza nel motto “Come Gesù nel mondo”.

Il Movimento Vivere In si rivolge, particolarmente a tutti i laici. Da essi esige la fedeltà alla “laicità” che significa presenza, animazione in tutte le vicende della vita.

La connotazione naturale della laicità in Vivere In si carica di un triplice risvolto:
  1. laicità non come esclusione o prevenzione verso forme di vita miranti a svolgere una particolare azione religiosa nel mondo;
  2. laicità come sinonimo di socialità: immersione, condivisione e compartecipazione al modo di essere e di vivere di tutti gli uomini. Laicità e socialità, pertanto, si specificano per il loro modo di essere e di vivere in senso assoluto ed universale, non relativo o particolare;
  3. laicità come dinamica di una vita che comporta l’accettazione della vita con funzione di dedizione, promozione, potenziamento. Il Movimento esige che il laico sia sempre tale in tutto, e che esprima un ritmo di vita che sia consapevolezza di presenza cristiana e concretezza di azione in tutti gli ambiti del vivere.

Il Movimento Vivere In rivendica pienamente la sua laicità inserito pienamente nella Chiesa, corpo di Cristo.
Coniugando insieme laicità e spiritualità si vuole affermare la necessaria complementarietà delle due realtà. Non c’è tra laicità e spiritualità opposizione, contraddizione o incompatibilità. Esse devono fondersi ed integrarsi come un tutto organico ed armonico sfatando la convinzione errata che la spiritualità non si addice ai laici o che un religioso non debba occuparsi delle questioni riguardanti la laicità.

Il Movimento Vivere In si rifà al principio di unità organica, materiale e spirituale, di ogni uomo ed auspica una chiara comprensione e concretizzazione della spiritualità laicale.

Il Movimento coglie, evidenzia e dà risalto ai valori essenziali di verità, giustizia, amore. Valori non come semplici principi teorici ma come estrinsecazione di una realtà divino-umana: il Logos fattosi carne e proclamatosi Via, Verità, Vita.

Perché “Movimento” deve conservare tutta la capacità a ricercare e vivere un costante e profondo rinnovamento. Rimane Movimento per evitare che decada in schematismi di vario genere, pesanti e insopportabili fardelli. Tutti gli aderenti devono diventare forza convergente e diffusiva di bene e per il bene.

Il Movimento Vivere In ha ottenuto il riconoscimento giuridico come Associazione Internazionale di Diritto Pontificio da parte del Pontificio Consiglio per i Laici l’8 dicembre 2001.

© 2016 Vivere In